Pages Menu
Categories Menu
SAILOR TATTO MANIA

SAILOR TATTO MANIA

 

Un tempo miniavano gli avambracci dei galeotti, i polpacci dei marinai e i colli taurini degli scaricatori di porto.

Per questo motivo erano sinonimo di tutto ciò che sta agli antipodi della finezza e della sciccheria.

Oggi, invece, sono veri e propri gioielli incastonati nella pelle di attrici, cantanti, artisti, rocker, chitarristi, architetti, barbieri e barman, diventati ormai il non plus ultra dell’essenza rock ‘n’ roll odierna e della glameria più cool.

Protagonista di questo trend che ha contagiato tutto il globo come un gigantesco tsunami è il tatuaggio, ma non in generale il disegno stampigliato sull’epidermide con l’aiuto di un ago inchiostrato: il fenomeno di tendenza di cui stiamo parlando riguarda solo ed esclusivamente il Sailor Tattoo.

Scordatevi tribali, farfalline, ideogrammi cinesi e folletti irlandesi, perché l’unico tatuaggio che ora come ora vale la pena concedersi è solo uno, o meglio: una vasta gamma, quella di tattoos d’ispirazione marinaresca.

Dalla sirena all’àncora, dal veliero all’hawaiana in gonnellino di paglia, dallo squalo alla rondine, i motivi disegnati sui corpi dei marinai di fine Ottocento e inizio Novecento sono tornati a cavalcare l’onda.

A omaggiare questi disegni retrò arriva la quarta edizione della Sailor Tattoo Convention, che sabato 5 e domenica 6 ottobre riunirà a Sestri Levante, in provincia di Genova, i tanti appassionati di questa branca artistica.

Primissimo evento di respiro internazionale dedicato solo ed esclusivamente al tatuaggio tradizionale, quest’anno conterà la partecipazione di ben ventisei tatuatori, tutti scelti tra pietre miliari della tattoo art mondiale ed esperti italiani richiestissimi all’estero.

Tra i mostri sacri dell’ago & inchiostro, non mancano all’appello all’appello né il milanese Fabio Scala (con il suo studio Ladies&Gent Tattoo Parlour), i viterbesi Banano e Beppe Pozzan, i genovesi Francesco Garbuggino (dell’Ink ‘n’ Roll Studio) e il duo Max e Tamma del Pinker Studio.

Ma anche Pistoia ha mandato un delegato di tutto rispetto, ossia Simone Cape Capecchi, in arte Capex, uno dei tatuatori più apprezzati della scena.

Un appuntamento imperdibile per i tattoo addict che hanno il pallino per il vintage.

Ma anche i vintage addict con il pallino per il tattoo si lascino uno spazietto intonso sulla spalla, da far riempire da mani esperte nella due giorni di ink ‘n’ roll più promettente dello Stivale.

 
 

timthumb

Hipster dixit

Manuale per diventare un Hipster con i baffi

Camilla Sernagiotto

Baffi, occhiali, camicie a quadri, cupcake, bretelle, biciclette a scatto fisso, MacBook, skate, indie rock, Sundance Festival… Queste sono solo alcune delle parole chiave che caratterizzano la nuova tendenza dilagante i cui massimi protagonisti sono proprio loro: gli Hipster.

Per chi ancora non li conoscesse, trattasi di intellettuali un po’ nostalgici che amano fare shopping in boutique vintage o mercatini dell’usato, comprare dischi in vinile, guardare film d’essai, mangiare cibi biologici e sperimentare lo sperimentabile, purché non sia mainstream. Ma come si fa a trasformarsi in uno di loro?

VAI ALLA SCHEDA  – ACQUISTA IN EBOOK 

 

Camilla Sernagiotto

Camilla Sernagiotto

Camilla Sernagiotto è giornalista freelance e autrice televisiva. Si occupa di musica, cinema, moda e lifestyle. Ha pubblicato i romanzi "Sushiettibile" e "I bambini sono nati con successo" e per Fazi, ne Le Meraviglie, il doppio romanzo "Circuito Chiuso/Annales" (2012) e l'ebook "Hipster Dixit - Manuale per diventare un Hipster con i baffi" (2013).

More Posts

0 Comments

Trackbacks/Pingbacks

  1. catalogo hogan - catalogo hogan ed ho pianto, perchè pure io ogni tanto mi dimentico del mare. e se è anche vero…

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *