Pages Menu
Categories Menu
L’ATTRAZIONE POCO GRAVITAZIONALE

L’ATTRAZIONE POCO GRAVITAZIONALE

 
 
Il motivo per cui certi oggetti si attraggano mi lascia perplesso, e parlo di oggetti che tra loro hanno poco nulla a che fare.
La scarpa e gli escrementi di cane. Non fai a tempo a sollevare lo sguardo verso il cielo che i due oggetti si incontrano, e siccome stai andando a un appuntamento galante e non ti va di trascinarti dietro il tanfo immondo di un pastore tedesco, corri ai ripari comprando un paio di scarpe lungo la strada, o cerchi di pulirle tra l’erba del parco e i fogli della free press che ti guardano stesi a terra con un’espressione tipo ehi tu che fai, non pulirmi addosso quella schifezza.
I pelumini e le giacche nere. Inseparabili amici. Più ne levi con il rotolo adesivo, più si formano. In modo esponenziale la notte prima del colloquio di lavoro. Così preferisci usare la giacca vecchia, quella che mettevi all’università e ha ancora l’alone di un paio di macchie di vomito del tuo amico Girolamo che s’è sentito male alla festa di laurea.
I pezzi di prezzemolo e le fessurine tra incisivi e canini. Mangialo dieci volte prima di tornare a casa e non ti succederà nulla. Mangialo una sola volta in compagnia della tua ex che è tornata single e ti ha contattato per un viaggio di alcool, sesso e marijuana ai caraibi, e ne avrai dei pezzi interi tra i denti. E siccome vuoi fare bella figura e convincerla che sei ancora l’uomo della sua vita, sfoggi un sorriso che credi a trentadue denti ma in realtà ne mostra solo ventiquattro.
Le gomme dell’auto e i chiodi, ma solo quando sei in autostrada, di notte, e hai il cellulare scarico. E sei a quattro chilometri dalla colonnina delle chiamate di emergenza, che solo poi scoprirai rotta.
Lo yogurt e i pantaloni nuovi. Anche se ti sei messo dodici strati di pellicola trasparente e ti sei incartato come un pacco di amazon, la goccia di yogurt bacerà i tuoi pantaloni nuovi proprio all’altezza del cavallo, conferendoti l’aspetto di un aspirante pornodivo senza speranze.
Ecco, di esempi ce ne sarebbero a bizzeffe, e magari proseguiremo a elencarli. Nel frattempo fate attenzione allo spigolo della porta. Come attrae i mignoli quello, non li attrae nessuno.

Alessio Mussinelli

Alessio Mussinelli

Alessio Mussinelli, 27 anni, è nato e vive in provincia di Bergamo, a due passi dal lago d’Iseo. Laureato in Lettere, ha conseguito il Master in scrittura presso l’Università Cattolica di Milano. Appassionato di dolci e Fai-da-te, è tastierista in un gruppo di musica da ballo. "Nemmeno le galline" (in uscita a settembre) è il suo primo romanzo.

More Posts

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *