Pages Menu
Categories Menu

Posted in In evidenza, Si, Viaggiare, Ultimi Articoli

CINA, IL PAESE DOVE ARRIVANO PIÙ EMIGRANTI ITALIANI IN ASIA

CINA, IL PAESE DOVE ARRIVANO PIÙ EMIGRANTI ITALIANI IN ASIA

I cambiamenti politici ed economici in corso a livello globale e in Cina stanno determinando lo sviluppo di nuovi settori in cui la domanda da parte cinese è in costante aumento, via via che la loro società si articola ed esprime nuovi bisogni sia individuali che collettivi.

Oltre ai classici prodotti di punta del made in Italy, nella percezione dei cinesi l’unicità del know-how italiano comprende, in misura sempre maggiore, altri ambiti quali l’architettura, l’urbanistica, la conservazione del patrimonio artistico, la sanità, ecc. Su questi ed altri terreni si registra un interesse e un flusso crescente di forza-lavoro intellettuale di origine italiana, che esporta “eccellenze” sotto forma di servizi e cultura. Sempre più alta è l’attenzione da parte dei cinesi ad aspetti attinenti, in senso ampio, alla qualità della vita, al mangiare sano e al vivere bene. La promozione di questi fattori culturali non solo apre spazi innovativi nel mercato del lavoro per gli italiani in Cina, ma costituisce la vetrina per aumentare la nostra competitività sul mercato cinese.

 

Leggi l’articolo completo PROGETTO AMICO: 6700  GLI ITALIANI IN CINA su AGI China 24

 

Scopri le nostre guide su come trasferirsi e vivere all’estero: Londra, Cina, BrasileLe uniche guide che ti spiegano come farlo e perché.

facebook guide

 

Redazione

Redazione

Un mondo vario da regalare, condividere, amare.

More Posts

Read More

Posted in Si, Viaggiare, Ultimi Articoli

DOCTOR MALE E GLI ASCENSORI DELLA DISCORDIA

DOCTOR MALE E GLI ASCENSORI DELLA DISCORDIA

 

Se dico medicina cinese uno si immagina aghi, ginseng e vecchi dottori dalla barba lunga e bianca che ti scrutano sapienti dietro gli occhiali di osso di tartaruga. Be’ non e’ proprio cosi’ seriosa, quando entri nella quotidianita’ qui in Cina tutto diventa piu’ normale e smitizzato. Ci ridi anche sopra, pur nella serieta’ della cosa. Qualche tempo fa accompagno un amico da un noto agopunturista, era giusto per vedere come funziona, ci andava per il colesterolo (!), e in men che non si dica mi ritrovo pure io coperto di spilli… Il Doctor Li e’ un personaggio uscito dai fumetti, altro che icona del medico tradizionale, sulla sessantina, giovanile, un caschetto di capelli grigio-neri, denti sporgenti naturalmente e sempre in vena di scherzi. Paolo, il mio amico, e’ cosi’ convinto degli effetti benefici degli aghi sul suo colesterolo che appena finita ogni sessione corre al 24ore a farsi un sacchetto di patatine, “tanto c’e’ il dottor Li”, dice. Il dottore entra in uno stanzino angusto dove abbiamo preso posto, dopo aver infilzato Paolo mi chiede “e tu che hai?” Bah, non so rispondo io, sto abbastanza bene, magari colesterolo un poco alto pure io. Detto, fatto, il dottor Li si fa due risate con gli assistenti che lo accompagnano (ma che c’hanno da ridere?) in camice e ciabatte e mi scarica addosso una dozzina di aghetti sottili. Come rifiutare? Siccome e’ stato in Italia qualche anno fa ci chiede come si dice questo e quello, sempre le stesse cose tanto poi se le dimentica. Gli piace la parola “male” in italiano, per cui ogni tanto ci va giu’ un po’ pesante con la mano, salti sulla sedia come folgorato e ti chiede: “Male?” “Cazzo, si!” gli rispondi… Cosi’ ho cominciato una serie di sedute, due volte la settimana. Il dottor Li entra nella stanzetta coi suoi assistenti che sono ragazzi e ragazze, chiede come va oggi, “ok, come ieri” dico, “hao” (bene) fa lui, “dormi bene”? “Non tanto” confesso, allora prende un ago e me lo passa dietro sul collo infiandomi come un torero.  Digestione ok? Mentre penso incerto su come rispondere mi ha gia’ infilzato gli avambracci. Ahia! “Business good?” chiede ancora, che c’entra con l’agopuntura penso, be’ potrebbe andare meglio gli dico, e zac! due aghi sulla capoccia, “questo per gli affari”, dice! Mi aspetto che mi faccia anche i tarocchi ma troppo divertito fa un po’ di pressione e salto sulla sedia: “Male?” Yes, male cane, porc… Ok, fatto e si gira per andare verso altri martiri seguito dalla coda di drago dei camici bianchi, solo che nel mentre qualcuno sbadato urta l’ago piantato al ginocchio di Paolo che urla. Si girano tutti e ti chiedono in coro: “Male?” Sorridi come un idiota, che puoi fare? Un giorno siamo andati un po’ tardi, la seduta dura sempre una mezz’oretta e siccome i cinesi tutti, da est a ovest, nord e sud si fermano per mangiare alle 11.30, siamo rimasti con gli aghi attaccati e nessuno che venisse a toglierli perche’ in pausa pranzo… dopo aver chiamato disperati per un buon quarto d’ora e aver girato per le corsie come porcospini in punta di piedi ce li siamo tolti uno a uno a vicenda, tipo le scimmie con le pulci, che fai aspetti un’ora come un puntaspillli? Siccome non sai mai quanti te ne mettono devi controllare, vorrai mai andare in giro con un ago in testa? Non e’ da scherzarci, e’ una cosa serissima, un amico olandese dopo una sessione e’ andato all’ascensore per scoprire che non riusciva ad alzare il braccio per premere il pulsante! Terrorizzato e’ tornato indietro subito, avevano dimenticato un ago nella nuca. Che sara’ mai… Diciamo che quello che guadagni in salute (forse) con la medicina cinese lo perdi nella burocrazia degli stessi ospedali. La cosa piu’ assurda e’ infatti il pagamento. Per farti puntare di spilli dal Dottor Li devi fare la registrazione all’entrata (con tanto di fila, 14 yuan, meno di 2 euro), con quella sali al 4to piano per la sessione; ci sono solo due ascensori, grandi si ma mai abbastanza. Ogni ascensore ha dentro una signora che lo manovra (siii, proprio cosi’!), uno ferma ai piani pari e uno a quelli dispari. Allora noi che dobbiamo andare al 4to dovremmo prendere quello pari, ma se e’ pieno perche’ parte dal seminterrato devi prendere quello a fianco (se ce la fai) che ti porta al 5to e poi scendi a piedi . A che serve una che manovra la tastiera dell’ascensore? A farlo funzionare, perche’ tutti si buttano dentro e va in sovrappeso, allora la signora butta fuori la gente (li tira per le maniche!!!) per farlo partire. Naturalmente hanno la precedenza quelli che sono gia’ dentro, che si mettono nel fondo. Pero’ anche chi entra svicola verso la parte piu’ interna della cabina per confondersi con quelli residenti da piu’ tempo. “Chaozhong le!” dice la signora, overloading, qualcuno deve essere buttato a mare! Nessuno si muove ovviamente, allora prende uno tra gli ultimi entrati e lo manda fuori. Ma e’ sui furbi che lavora, li va a prendere nel fondo dell’ascensore dove sono nascosti. A volte scoppiano liti furibonde tra “passeggeri”, ma la signora e’ inflessibile, ha anche messo fuori una nonnetta in carrozzella per far prima… Arrivi al piano finalmente, spesso facendo le scale, ti sottoponi alla tua seduta ma mica finisce qui, devi salire al piano 8 per pagare (70 yuan per l’agopuntura del Doctor Li, circa 9 euro)! Al piano 4 ferma solo quello pari stavolta, quindi devi aspettare. Se si aprono le porte ed e’ pieno come un bus in orario di punta aspetti il prossimo, oppure vai su per le scale. Uno si chiede perche’ mettere al piano 8 le casse… Bella domanda, ma non ci sono risposte. Arrivi al piano 8 senza fiato perche’ ti sei fatto le scale ovviamente, paghi e devi poi portare la ricevuta al piano 4 per dimostrare che hai pagato! Ancora una volta, o aspetti il montacarichi pieno o vai giu’ a piedi scontrandoti con una folla di gente in arrampicata. Perche’ non pagare tutto al piano 1 quando fai la registrazione? Lo chiederei al Dottor Li ma mi infilerebbe per tutta risposta uno dei suoi aghi chissa’ dove. “Male?”

Michele Soranzo

Michele Soranzo

Michele Soranzo vive a Shanghai dal 1987 e da più di dieci anni gestisce www.vivishanghai.com, portale dedicato agli italiani in arrivo nella metropoli cinese, a chi è in cerca di informazioni e a chi è già residente in Cina. In passato ha pubblicato articoli sull'argomento per "Grazia", "Donna Moderna", "Elle" (edizione tedesca), oltre che per gli in-flight magazines di Dragon Air e Korean Air.

More Posts

Read More

Posted in Si, Viaggiare, Ultimi Articoli

METRO LIFE

METRO LIFE

 

Se non ci fosse, non sarebbe possibile muoversi a Shanghai. Ogni giorno circa cinque milioni di persone si spostano sottoterra; quindi immaginate un formicaio, e siete vicini alla realta’. Solo quindici anni fa c’era una sola linea funzionante, ora sono 13 per un metro hands 2 copytotale di 420 km di percorrenza, un record, tanto da farne la metro piu’ estesa al mondo: NY e’ appena seconda, solo che la metro della Mela ha cent’anni e piu’, pensate un po’ cosa sara’ a Shanghai fra una decina di anni ancora… C’e’ gente che in metro passa anche un paio di ore al giorno per gli spostamenti casa-lavoro, quindi non e’ che ci si siede e basta, no? Si legge, soprattutto e-book e tablet e smartphone, insomma tutto quello che non e’ di carta, oppure vi guardano video, film e programmi al telefono, ognuno il suo, ognuno per se’. Si mangia anche in metro, c’e’ gente che fa colazione o uno spuntino, e non con cornetto e cappuccino ma latte di soia e baozi ripieni di carne, con gli odori che si spandono su tutta la carrozza. Non mancano i mendicanti anche che si fanno le vasche, alcuni fanno anche intrattenimento per i passeggeri annoiati cantando o portandosi dietro impianti stereo…

 

 

 

Michele Soranzo

Michele Soranzo

Michele Soranzo vive a Shanghai dal 1987 e da più di dieci anni gestisce www.vivishanghai.com, portale dedicato agli italiani in arrivo nella metropoli cinese, a chi è in cerca di informazioni e a chi è già residente in Cina. In passato ha pubblicato articoli sull'argomento per "Grazia", "Donna Moderna", "Elle" (edizione tedesca), oltre che per gli in-flight magazines di Dragon Air e Korean Air.

More Posts

Read More

Posted in In evidenza, Si, Viaggiare

ISTANTANEE DA SHANGHAI

ISTANTANEE DA SHANGHAI

 

Chinglish

 

chinglish

Entrata Tianzifang

 

entrata tianzifang

Fake

 

fake2

Jap Restaurant

 

jap restaurant

Michele Soranzo

Michele Soranzo

Michele Soranzo vive a Shanghai dal 1987 e da più di dieci anni gestisce www.vivishanghai.com, portale dedicato agli italiani in arrivo nella metropoli cinese, a chi è in cerca di informazioni e a chi è già residente in Cina. In passato ha pubblicato articoli sull'argomento per "Grazia", "Donna Moderna", "Elle" (edizione tedesca), oltre che per gli in-flight magazines di Dragon Air e Korean Air.

More Posts

Read More

Posted in Si, Viaggiare

ISTANTANEE DA RIO DE JANEIRO

ISTANTANEE DA RIO DE JANEIRO

“Ipanema Leblon” e una vista delle spiagge omonime presa dall’alto del Vidigal, una delle favelas di Rio.

 

rio1

 

Campetto di calcio sempre nell’alto Vidigal con sullo sfondo la Pedra da Gavea

 

rio2

 

Attilio Caselli

Attilio Caselli

Attilio Caselli, già autore per Fazi di un romanzo d'ambientazione carioca (Brace) ha lavorato come sceneggiatore per alcuni dei registi italiani più importanti tra i quali Paolo Virzì e Matteo Garrone. Fiorentino di nascita, dal 2002 vive stabilmente (e felicemente) a Rio de Janeiro.

More Posts

Read More